E-mail | Scrivi alla Redazione | Archivio News | Chat | Il Muro | Forum | Mercatino | Pubblicità su Capuaonline
                

 

Mailing List di Capuaonline. Scrivi   qui sotto  la  tua e-mail e sarai aggiornato sulle novita' del sito, di Capua e dintorni !

 

IscrivitiCancellati

 Menu'

 Home Page Capuaonline
 Home Page Carnevale
 Meteo 
 Il Muro 
 Un occhio sul mondo
 Edicola & borsa
 La parola al cittadino
 Dicono di noi...  
 Ospedale Palasciano
 Farmacie di turno
 Pubblicita'
 Autori

Come si crea la cartapesta

Oramai tutti sappiamo che la carta sia un materiale effimero per cui viene usata e gettata o, al più, parzialmente riciclata per ricavare altra carta di minor pregio. Non molte persone, al giorno d'oggi, immaginano che la carta sia potuta e possa servire per la fabbricazione di oggetti funzionali che non siano libri, giornali o imballaggi. Eppure già i cinesi (che, come è noto, circa duemila anni fa "inventarono" la carta) trovarono il modo di impiegarla. Dalla Cina, passando per il mondo arabo, la carta approdò in Europa nel X sec. D.C. Qui bisogna attendere fino alla seconda metà del 700 perché si comincino a trovare oggetti di arredamento in carta pressata (scatole e tabacchiere) mentre dall'Oriente arrivano paraventi, paralumi, ombrelli, tavolini, armadietti e vasellame vario. Nell'800 mobili in cartapesta (ma anche elementi costruttivi di carrozze ed elementi architettonici vari come porte, pareti e persino intere case prefabbricate) vengono in auge sia in Europa, che negli Stati Uniti ed in Russia. Molti di questi elementi sono giunti fino a noi in ottimo stato di conservazione. Al giorno d'oggi vediamo sfruttare con brillanti risultati la tecnica della carta pesta soprattutto nell'arte popolare di India, Pakistan, Kashmir, Filippine, Giappone, dove continua la fabbricazione di scatole, vassoi, cofanetti, mobiletti, bigiotteria, giocattoli, maschere e sculture di vario tipo. La cartapesta è un materiale costituito essenzialmente da un preparato di acqua, colla, gesso e carta. Le colle solitamente usate possono essere la colla vinilica, la colla di pesce in scaglie o in polvere o la colla di farina. La realizzazione di queste opere è stata ottenuta attraverso la lavorazione della cartapesta a strati. Questo procedimento prevede diverse fasi di cui la prima è rappresentata dalla creazione del modello in argilla; con una colata di gesso su questo modello, si ottiene il negativo del calco all'interno del quale vengono poi applicate le strisce di carta, precedentemente imbevute in un composto di acqua e colla, facendole aderire perfettamente al calco di gesso. Dopo molte ore necessarie alla asciugatura, si stacca il lavoro di cartapesta e, solo dopo aver levigato con della carta vetrata per rendere la superficie il più liscia possibile, si procede alla decorazione pittorica del soggetto con colori acrilici o a tempera. La lavorazione si conclude con uno strato di vernice lucida a protezione del lavoro.

 

 

 Procedura di taglio

 

Incollaggio

 

Come modellarla

 

 

 

Carnevale a Capua

Storia dal 1886 ad Oggi
I Concorsi
Il programma
Ricette di Carnevale
Comunicati Stampa
Attività delle scuole

Foto Gallery

I nostri reportage
Le scorse Edizioni

Per i ragazzi

Giochi
Idee e Curiosità

Per il Turista

Come arrivare a Capua
Servizi e Numeri Utili

La Cartapesta

Come si crea
 
 

Tutti i diritti sono riservati - Capuaonline®  e' un marchio registrato