Scrivi alla Redazione | Archivio News | Chat | Il Muro | Forum | Comunicati Stampa | Pubblicità su Capuaonline
                

  
 

Mailing List di Capuaonline. Scrivi   qui sotto  la  tua e-mail e sarai aggiornato sulle novita' del sito, di Capua e dintorni !

 

IscrivitiCancellati

 Menu'

 Home Page
 Numeri Utili
 Eventi & Manifestazioni
 Meteo
 Chat 
 Forum 
 Un occhio sul mondo
 Orario Sante Messe
 Ospedale Palasciano
 Farmacie di turno
 Pubblicita'
 Autori

Archivio Eventi

 Archivio Reportage

 Comunicati Stampa

Pubblichiamo in questa sezione, il testo integrale delle e-mail, giunte in Redazione, dagli utenti e le eventuali risposte pubblicate dai Redattori di Capuaonline, in merito alle problematiche esposte.

UN NOSTRO VISITATORE PROPONE L'APERTURA DI UN ISTITUTO ARCHEOLOGICO IN CITTA'. MA CHE FINE HA FATTO IL PARCO ARCHEOLOGICO DI VIA BREZZA?

 

Oggetto: "Archeologia"

(15 Dicembre 2007)

Gentile Redazione, nessuno ha mai pensato di aprire a Capua un Istituto di archeologia? La città è ricca di storia e credo che molti sarebbero felici di studiare in un luogo che pullula di storia e di reperti archeologici. Non un Istituto grande, ovviamente, ma a numero chiuso così che solo le persone realmente interessate possano studiare nella città d'arte, ove regna il Museo Campano. Apprezzerei tantissimo se potessi avere delle risposte. In attesa vi mando i miei più sinceri auguri. Ivan Manno


LA RISPOSTA DI VINCENZO PATERNUOSTO (CAPUAONLINE)

Oggetto: "Archeologia"

(16 Dicembre 2007)

Gentile Signor Manno, la Sua bella proposta difficilmente potrà realizzarsi. Il nostro pessimismo è avvalorato da precedenti poco gratificanti. Non sappiamo se è a conoscenza della vicenda nata durante l'effettuazione degli scavi per la realizzazione della Tav (autunno 1998), quando sul nostro territorio comunale (nelle campagne situate in via Brezza) furono rinvenuti importantissimi resti archeologici: un tratto dell'Appia antica; una notevole quantità di rovine fra cui i resti di un mausoleo e le strutture, antiche di circa duemila anni, di una villa ristrutturata in industria vinicola o forse un impianto di lavorazione del profumo seplasio (ritrovamento definito "di eccezionale importanza" dalla Soprintendenza archeologica di Napoli e Caserta). A quel punto i lavori furono immediatamente fermati dalla Soprintendenza e poterono riprendere solo più tardi, quando si riuscì a strappare ai responsabili della Tav la promessa di realizzarvi un Parco archeologico (la Soprintendenza avrebbe dovuto seguire la vicenda). Purtroppo, però, a distanza di nove anni, del Parco neanche l'ombra. Per informazioni più dettagliate collegatevi al seguente link: http://episteme.forumcommunity.net/?t=3995958. Ritornando alla Sua proposta, caro Signor Manno, e considerando com'è andata la vicenda del Parco archeologico, abbiam ragione di credere che difficilmente a Capua sarà aperto un Istituto archeologico. Naturalmente, speriamo di sbagliare! In tutto questo, però, gradiremmo che la Soprintendenza archeologica provinciale, la Provincia di Caserta ed il Comune di Capua si attivassero per realizzare il "promesso" Parco archeologico. La domanda nasce spontanea: "Se i reperti rinvenuti a Capua fossero stati ritrovati altrove, sarebbero stati abbandonati?". Grazie. Vincenzo Paternuosto di Capuaonline

RITORNA ALL'ARCHIVIO DELLE SEGNALAZIONI

Per contatti scrivi a: redazione@capuaonline.com

Per segnalare ingiustizie o scoop compila il form di SOS CAPUAONLINE

 

 

 

Museo Campano

Visita Virtuale

Altri servizi

Autocertificazione
Scuola di Cucina
Dicono di noi...
Amici di Capuaonline

Un po' di Storia

Storia & Monumenti

Foto Story

Raccolte fotografiche
 
 
 

Tutti i diritti sono riservati - Capuaonline®  e' un marchio registrato