E-mail | Scrivi alla Redazione | Chat | Meteo | Edicola | Pubblicità su Capuaonline |

                                            


 

Iscriviti alla MailingList di Capuaonline!

 

Iscriviti Cancellati
 
 

MENU' 

Home Page
Chi cerca trova
Numeri utili
Eventi & manifestazioni
Meteo
Chat
La parola al cittadino
Forum
Un occhio sul mondo
Edicola & borsa
Farmacie e medicina
Pubblicita'
Autori
La Basilica Benedettina di S. Angelo in Formis

La basilica gode di una speciale posizione dalla quale è possibile ammirare un vasto panorama della pianura intorno a Capua. Dedicata a San Michele Arcangelo, risulta documentata per la prima volta nella concessione fatta dal vescovo di Capua ai monaci di Montecassino. Il primo impianto, fondato sul tempio di Diana Tifatina esisteva fin dagli inizi del ‘900.
 
 

 
 
 
 
 
Alla basilica si accede da un vasto spiazzale attraverso un'ampia scalinata e si presenta con un portico con cinque archi e quattro colonne.
 
 

 

     
     
 

 

L’attuale veste architettonica proviene dalla ristrutturazione voluta dall’abate Desiderio che realizzò anche il centro monastico di Sant’Angelo in Formis. La tappa desideriana è ricordata nell’iscrizione sull’architrave del portale d’ingresso dove è possibile ammirare un affresco raffigurante S. Michele; l'iscrizione latina dell'architrave recita: "Salirai al cielo se avrai conosciuto te stesso, come Desiderio che, ripieno di santo Spirito e osservando la legge, edificò un tempio a Dio per ottenere una ricompensa eterna". Tra gli affreschi della basilica si può notare quello realizzato da un grande anonimo pittore nell’abside centrale in cui Desiderio è raffigurato in piedi, umile nella magnificenza delle sue vesti mentre offre al Cristo il modello della nuova basilica di Sant'Angelo, da lui appena ricostruita.

  

 

L'interno è a tre navate, coperte a capriate e concluse ciascuna da un abside. Quattordici colonne con capitelli corinzi (provenienti dal tempio di Diana) e sedici archi dividono la navata centrale da quelle laterali. Le acquasantiere sono una stele romana e un capitello medievale; l'altare maggiore è un sarcofago romano e il pulpito quadrangolare, sorretto da quattro colonnine ottagonali, è ornato da un'aquila acefala che regge con gli artigli il vangelo di San Giovanni. Sulle pareti laterali della navata centrale si ammirano numerosi affreschi riproducenti scene della vita di Cristo, parabole evangeliche e figure di profeti.

Altri affreschi riproducono scene bibliche.

Nell'absidiola della navata destra sono effigiate le immagini della Vergine con il bambino fra due angeli in alto, alcune sante martiri al centro.

Ed ancora all’interno della basilica è possibile notare l’affresco della Madonna orante e la raffigurazione di alcune scene come l’ultima cena, la crocifissione, la deposizione ed infine la Resurrezione di Gesù.

La basilica di Sant’Angelo in Formis, è un esemplare di monumento d’arte religiosa nel suo genere unico al mondo ma soprattutto rappresenta un’importantissima testimonianza delle chiese del medioevo campano.

INDICE DEI MONUMENTI

Altri Servizi
Autocertificazione
Scuola di cucina
Cinema a Capua  
Teatro a Capua 
Cabaret a Capua
Servizio E-mail
Elenco telefonico
Locali by night
Cartoline virtuali
I link preferiti  
Segnala un sito 

 

Foto Story

Raccolte fotografiche
 

Un po' di storia...

Storia & Monumenti
 

Tutti i diritti sono riservati