E-mail | Scrivi alla Redazione | Archivio News | Chat | Il Muro | Forum | Mercatino | Pubblicità su Capuaonline
                

 

Mailing List di Capuaonline. Scrivi   qui sotto  la  tua e-mail e sarai aggiornato sulle novita' del sito, di Capua e dintorni !

 

IscrivitiCancellati

 Menu'

 Home Page
 Numeri Utili
 Eventi & Manifestazioni
 Meteo
 Chat 
 Forum 
 Mercatino online 
 Il Muro 
 Un occhio sul mondo
 Edicola & borsa
 Orario Sante Messe
 Università  
 Ospedale Palasciano
 Farmacie di turno
 Pubblicita'
 Autori

Archivio Eventi

 Archivio News

 Comunicati Stampa

Il Placito di Capua o Carta Capuana

Il "Placito di Capua" risale al marzo del 960 e rappresenta il primo documento ufficiale in Volgare Italiano, contenente la seguente formula "Sao ko kelle terre, per kelle fini qui ki contene, trenta anni le possette parte Sancti Benedicti" - (So che quelle terre, entro quei confini di cui qui si parla, le ha possedute per trent’anni l’abbazia di S. Benedetto). Nel 1734, l'abate Erasmo Gattola pubblicò questo documento, scoperto nell'archivio cassinese, il quale fu redatto dal giudice di Capua Arechisi e riguardava una lite per confini di proprietà tra il monastero di Montecassino, retto dall'abate Aligerno, e un piccolo feudatario locale, Rodelgrimo d'Aquino. Tre testimoni comparsi dinanzi al giudice Arechisi, deposero a favore del monastero, avendo in mano una carta e indicando con un dito i confini del luogo che era stato occupato illecitamente da un contadino dopo la distruzione dell’abbazia da parte dei Saraceni nell’885. La formula in volgare campano, ripetuta 4 volte era stata inserita nella sentenza scritta in latino emessa a fine processo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

INDICE DEI MONUMENTI

 

 

 

 

Museo Campano

Visita Virtuale

Altri servizi

Autocertificazione
Scuola di Cucina
Cinema a Capua 
Teatro a Capua 
Cabaret a Capua  
Dicono di noi...
Amici di Capuaonline
Segnala un sito
I link preferiti  

Un po' di Storia

Storia & Monumenti

Foto Story

Raccolte fotografiche
 
 

Tutti i diritti sono riservati - Capuaonline®  e' un marchio registrato