E-mail | Scrivi alla Redazione | Chat | Meteo | Edicola | Pubblicità su Capuaonline |

                                            


 

Iscriviti alla MailingList di Capuaonline!

 

Iscriviti Cancellati
 
 

MENU' 

Home Page
Chi cerca trova
Numeri utili
Eventi & manifestazioni
Meteo
Chat
La parola al cittadino
Forum
Un occhio sul mondo
Edicola & borsa
Farmacie e medicina
Pubblicita'
Autori
 

Palazzo Antignano

L'impianto originario va datato intorno al IX secolo, ma palazzo Antignano è
prevalentemente caratterizzato da una veste rinascimentale (1450-54).
Nella facciata su via Roma s'imposta il portale "durazzesco" dal particolarissimo
disegno tricuspidato; da questo ingresso si accede al nucleo centrale del più
antico cortile, dove si sviluppa la scala che, al piano terreno, assolve anche il
ruolo di porticato. 
Le strutture di sostegno della scala, su archi rampanti, assumono un particolare
rilievo per la connessione tra i pilastri ed i sottostanti elementi di colonne,nonché 
per la ripresa dei gradini nella struttura muraria in funzione decorativa.
E' sede del Museo Provinciale Campano dal 1874, custodendo opere d'arte
dell'area capuana.
Comprende una sezione archeologica, una medioevale, la pinacoteca, la
biblioteca e l'archivio.

 
 
 

Arco Antignano

 
Sulla destra del palazzo vi è l'Arco Antignano che va datato all'età tardo
romanica, sede all'epoca, di uno dei tre Seggi nobiliari della città.
Fu così denominato a partire dalla metà del Quattrocento, allorché fu
ristrutturato ad opera di Francesco Antignano durante i lavori di ampliamento
del suo palazzo.
L'ingresso ai vani del Seggio, ora locali di deposito dell'Istituto museale, sono  
scanditi da un arco, ad elementi lapidei sagomati, su capitelli a fogliame
arricciato di gusto rinascimentale catalano.
A destra dell'Arco di Antignano si conserva la Chiesa di San Lorenzo ad Crucem,
sconsacrata nel 1594, ricordata per l'analogia, tra i capitelli, con quella di
San Giovanni a Corte.
Già di fondazione longobarda, la chiesa fu incorporata nell'ampliamento di
palazzo Antignano. Attualmente funge da deposito per i materiali museali.
Quella degli Antignano era una nobile famiglia capuana che sin dal XIII secolo
comprendeva d'arme, giureconsulti, prelati, badesse. Tra i tanti uomini illustri
della casata emerge Francesco Antignano, consigliere di Alfonso il Magnanimo,
uomo politico di notevole rilevanza durante il regno aragonese.
 
 
 
 
 
 

Fontana di Nettuno

 
Particolare attenzione merita anche la fontana di Nettuno di fronte all'arco del
palazzo. E' una delle tre fontane pubbliche erette nella prima metà del
Cinquecento, allorché la città fu fornita d'impianto idrico con acqua proveniente
da S. Angelo in Formis. 
La statua originale del Nettuno è conservata nel Museo Campano.
 
   
 

 

 

 
 
 
 

INDICE DEI MONUMENTI

 
 
 
 

 
Altri Servizi
Autocertificazione
Scuola di cucina
Cinema a Capua  
Teatro a Capua 
Cabaret a Capua
Servizio E-mail
Elenco telefonico
Locali by night
Cartoline virtuali
I link preferiti  
Segnala un sito 

 

Foto Story

Raccolte fotografiche
 

Un po' di storia...

Storia & Monumenti
 

Tutti i diritti sono riservati